VIII Forum Internazionale per la Salvaguardia della Natura – Cuneo 2010

“FORMARE I FORMATORI” IL PENSIERO A SERVIZIO DELLA TERRA. Si aprirà a Cuneo il 13 Ottobre l’VIII Forum internazionale di Greenaccord destinato ai giornalisti ed a tutti gli operatori dei media.


Obiettivo: avviare un dibattito nel mondo dell’informazione su temi cruciali per il futuro del Pianeta.
Previsto oltre 130 giornalisti provenienti dai cinque continenti

Cuneo, 10 settembre – Il Forum Internazionale di Greenaccord, giunto all’ottava edizione, si pone tra i più
importanti e strategici nel dibattito ambientale a livello internazionale, con la partecipazione di economisti,
antropologi, filosofi, esponenti delle principali religioni, accademici di levatura internazionale, esperti di
sviluppo sostenibile, intellettuali, riuniti per quattro giorni a Cuneo con la finalità di provare a ripensare un
nuovo modello di sviluppo sostenibile e responsabile. Gli operatori dei mass media, provenienti dai cinque
continenti, sono chiamati a riflettere sui temi cruciali per il destino del Pianeta e trovare indicazioni per
proporre un dibattito nei media e creare una base ideale per far maturare la coscienza per costruire un
mondo diverso soprattutto per le generazioni future.

Ma i giornalisti presenti avranno l’occasione di conoscere da vicino esperti internazionali e testimonianze
di sostenibilità realizzate. Tutto ciò viene offerto loro dall’ottavo International Media Forum per la
salvaguardia della Natura “People Building Future – Confini e Valori per un vivere sostenibile”, organizzato
dall’associazione di ispirazione cristiana Greenaccord. Il Forum si svolgerà, per la prima volta da quando è
nato, nella città di Cuneo dal 13 al 16 Ottobre prossimi, presso il Centro Incontri della Provincia con
inframmezzata una giornata dedicata alla Città di Alba.

Greenaccord è convinta che oltre a trattare i temi ambientali analizzando lo stato dell’ecosistema terrestre,
occorra riflettere sui confini del nostro modello di sviluppo per proporre vie d’uscita che coniughino qualità
della vita (soprattutto per i Paesi del Sud del mondo) e sviluppo sostenibile. Significa sottolineare
l’importanza e la necessità della solidarietà e di alti valori etici che possano esserne alla base. E significa
anche mostrare esempi concreti di buone pratiche che hanno saputo tradurre concretamente il concetto di
sostenibilità.

Tra i moltissimi relatori che prenderanno parte all’evento: Robert Costanza, economista, fra i fondatori
dell’International Society for Ecological Economics e membro del Consiglio di Consulenza nazionale degli
Stati uniti per Ambiente e Tecnologia; Gary Gardner, scienziato e direttore di ricerca al prestigioso
Worldwatch Institute di Washington. E ancora: Serge Latouche, ispiratore del movimento della Decrescita e
Friedrich Hinterberger, fondatore del Seri (Sustainable Europe Research Institute) di Vienna.
“L’idea alla base del Forum – spiega Gian Paolo Marchetti, presidente di Greenaccord – è quello di proporre
un confronto di altissimo livello sui confini fisici, biologici, psicologici, etici, filosofici ed economici entro i
quali l’azione umana può esplicarsi al fine di produrre un benessere diffuso. Con questo evento vogliamo
contribuire a definire un quadro di valori di riferimento, per uno sviluppo più equo e giusto. L’unico possibile
se vogliamo davvero assicurare un futuro al nostro Pianeta e, di conseguenza, alle future generazioni”.
Al Forum parteciperanno oltre 130 giornalisti provenienti da una sessantina di Stati diversi. Particolarmente
nutrite le “delegazioni” dei continenti africano, asiatico e latinoamericano.
Il programma completo dell’VIII International Media Forum per la Salvaguardia della Natura è disponibile
sul sito www.greenaccord.org. Sarà possibile seguirlo in diretta anche su internet, in diretta streaming, sul
sito www.greencanal.eu.

Comunicati stampa

Abstract

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

Lascia una recensione

avatar