Greenaccord – Press & Communication Office

Per ulteriori informazioni e richiesta di interviste, contattare Romina Gobbo, responsabile comunicazione: comunicazione@greenaccord.org

MASULLO (GREENACCORD): “SORPRENDENTE EQUIPARARE INTERVENTI EDILIZI CLASSICI A QUELLI A RISPARMIO ENERGETICO”MASULLO (GREENACCORD): “SORPRENDENTE EQUIPARARE INTERVENTI EDILIZI CLASSICI A QUELLI A RISPARMIO ENERGETICO”

IPOTESI BONUS RISTRUTTURAZIONI AL 50%.

MASULLO (GREENACCORD): “SORPRENDENTE EQUIPARARE INTERVENTI EDILIZI CLASSICI A QUELLI A RISPARMIO ENERGETICO”

“In un Paese come l’Italia in cui l’attenzione per l’edilizia di qualità è ancor a una goccia nell’oceano di cemento che spesso deturpa i nostri territori, l’ipotesi di inserire nel prossimo Decreto Sviluppo una equiparazione, ai fini degli incentivi fiscali, fra gli interventi di ristrutturazione edilizia ‘classici’ e quelli miranti a ridurre il consumo energetico degli edifici è a tutti gli effetti una scelta sorprendente”. Lo ha dichiarato Andrea Masullo, direttore scientifico dell’associazione Greenaccord Onlus, in merito alle anticipazioni sui contenuti del Decreto Sviluppo, che dovrebbe innalzare dal 36% al 50% le detrazioni Irpef per le ristrutturazioni edilizie, riducendo al tempo stesso dal 55% al 50% quelle  per interventi di risparmio energetico in edilizia.

“Se confermata – spiega Masullo, a margine dei lavori del IX Forum dell’Informazione cattolica per la Salvaguardia del Creato, che si è aperto stamattina a Trento – tale scelta rappresenta un pericoloso passaggio dalla qualità alla quantità . Esattamente il contrario di ciò che in periodo di crisi una politica economica  e industriale dovrebbe fare per aprire nuove prospettive di sviluppo duraturo e  sostenibile. Ci preoccupa in modo particolare questo approccio anche perché da più parti abbiamo sentito l’invito a una ripresa di una crescita dei consumi sen za alcun riferimento qualitativo. Dobbiamo invece chiederci: quali consumi è giusto rilanciare? Quali invece è meglio disincentivare? Il governo dovrebbe invece  studiare interventi che aiutino a distinguere le azioni che aiutano la costruzione di un modello di sviluppo a ridotto impatto ambientale da quelli che, nel me dio e lungo periodo, rischiano di essere un boomerang per la sicurezza delle nostre regioni”.

The text is available only in Italian

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x