Greenaccord – Press & Communication Office

Per ulteriori informazioni e richiesta di interviste, contattare Romina Gobbo, responsabile comunicazione: comunicazione@greenaccord.org

Agricoltura familiare, km zero e niente Ogm I tre pilastri per la sostenibilità ambientale e socialeAgricoltura familiare, km zero e niente Ogm I tre pilastri per la sostenibilità ambientale e sociale

L’Aquila – Auditorium Sericchi

Agricoltura familiare, km zero e niente Ogm

I tre pilastri per la sostenibilità ambientale e sociale

Seconda giornata di lavori dell’XI Forum dell’Informazione cattolica per la Custodia del Creato dedicata alle ricette per costruire un sistema agricolo a basso impatto, inclusivo e amico della biodiversità. Un modello che, nel lungo periodo, garantisce benessere, cibo e corretto uso delle risorse naturali

L’Aquila, 20 giugno 2015 – Sostenibilità ambientale, tutela della biodiversità, sistemi agricoli a basso impatto, sviluppo delle filiere a chilometro zero. Sono le ricette presentate nella seconda (e ultima) giornata di lavori dell’XI Forum dell’Informazione per la Custodia del Creato, organizzato dall’associazione Greenaccord Onlus a L’Aquila in collaborazione con il Comune e la Regione Abruzzo.

Soluzioni concrete che possono dare risposte efficaci sia agli ingenti problemi causati dai cambiamenti climatici, sia ai drammi della povertà e della malnutrizione che affliggono ancora centinaia di milioni di persone al mondo. “Tutte le attività da cui dipende il benessere dell’uomo, a partire dalla disponibilità di cibo, dipende dalla funzionalità garantite dagli ecosistemi, che garantiscono beni e servizi fondamentali per l’Umanità” spiega Franco Ferroni, responsabile Agricoltura di WWF Italia. “Mettere in conto la Natura significa garantire il benessere collettivo”. Eppure al momento, si sta andando in direzione esattamente opposta: con un tipo di agricoltura sempre più dominato da pochi gruppi industriali e un contestuale consumo di suolo agricolo. Ogni anno, dal 1990, nel nostro Paese si perdono 100mila ettari di suolo agricolo, più del doppio della Germania e due volte più che in Francia. “Quel modello, fortemente antropizzato, garantisce il massimo della produttività nel breve periodo ma si è dimostrato fallimentare nel medio-lungo termine”. Ma l’inversione di rotta è possibile. E dipende strettamente dalle scelte politiche che si prendono a livello locale, nazionale e mondiale. “I governi – prosegue Ferroni – possono decidere se continuare a sostenere quel modello o uno, basato su agricoltura familiare, biologica o biodinamica, che si è dimostrato un approccio amico della biodiversità e dei servizi che offrono alle popolazioni”.

Nel cambio di rotta, non può non rientrare una riflessione sugli Ogm. Nonostante le forti pressioni delle lobby dell’agroindustria per farli autorizzare anche in Europa, gli organismi geneticamente modificati continuano a lasciare scettici gli agricoltori italiani: “I pericoli per la salute pubblica derivante dall’uso di materie prime geneticamente modificate potrebbero causare danni nel medio e lungo periodo” spiega Cinzia Coduti, responsabile Ambiente e Territorio di Coldiretti. “Su questo tema, le certezze non esistono. E quindi deve valere il principio di precauzione che impone una necessaria prudenza. Ben più importante è difendere i caratteri che rendono unici e distintivi i prodotti agroalimentari italiani, che ci permettono di essere conosciuti, apprezzati e invidiati in tutto il globo”.

E in quest’ottica di valorizzazione, una mano preziosa può venire dal ripensamento delle filiere agricole, per costruire sistemi territorialmente circoscritti. Quelli che, con una semplificazione giornalistica, forse eccessiva ma efficace, sono ormai noti come “sistemi a chilometri zero”. “Queste filiere – spiega Anselme Bakudila, del Centro Studi di Slow Food – sono localizzabili geograficamente, offrono maggiori garanzie di freschezza e genuinità dei prodotti, che sono scambiabili senza intermediazioni, assicurano una maggiore remunerazione ai produttori e permettono una costruzione di un nuovo rapporto con i consumatori”. Un punto, quest’ultimo, molto caro all’organizzazione fondata da Carlo Petrini. Un nuovo rapporto tra chi produce e chi consuma è essenziale per cambiare mentalità e capire, insieme, l’importanza della cura comune delle risorse naturali. “Le filiere corte fanno incontrare i due attori fondamentali della filiera – prosegue Bakudila – stimolando la costruzione di un giusto prezzo, che assicuri cibo di qualità a chi mangia e giusto prezzo a chi produce”. E, intanto, ringrazia anche l’ambiente perché un simile sistema evita lo spopolamento delle zone rurali e offre un’alternativa valida alla dilagante cementificazione e ai danni in termini di dissesto idrogeologico che essa porta con sé.

+++++++++ INFORMAZIONI STAMPA – Durante i lavori, da L’Aquila

Seguici sul nostro profilo Facebook: https://www.facebook.com/greenaccord

Foto del convegno, in alta def, saranno aggiornate in tempo reale a questo link:

https://www.flickr.com/photos/greenaccord/

Servizi video e video-interviste, curate dalla redazione/ufficio stampa Greenaccord saranno pubblicati qui:

https://www.youtube.com/user/GreenCanalTv

Per press-kit con coperture ed interviste in qualità broadcast HD puoi contattarci via email specificando le richieste:

pressofficegreenaccord@gmail.com

Abstract e presentazioni dei relatori a questo link: http://www.greenaccord.org/aquila-2015-abstract

I partner del Forum: http://www.greenaccord.org/aquila-2015-partner

Il programma delll’evento puoi scaricarlo qui: http://www.greenaccord.org/aquila-2015-programma

I comunicati stampa sono pubblicati qui: http://www.greenaccord.org/aquila-2015-sala-stampa

—————————————————-

Greenaccord – Press & Communication Office

Martina Valentini mail: pressofficegreenaccord@gmail.com – phone: +39.338.9180001 – +39.333.561.29.77 – Skype: martina.valentini.com

_____________________________________

Greenaccord Social: Fb: Greenaccord PressOffice – Tw: @greenaccord – Youtube: GreenCanalTv – Flickr: greenaccord

___________________________________

Associazione Culturale Greenaccord Onlus

00187 Rome (IT) – Via Livia Drusilla 39/41, Roma – Ph: +39.06.99929400/02 – Mail: segreteria@greenaccord.org

www.greenaccord.orgThe text is available only in Italian.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x